La storia delle chitarre Fender

La storia delle chitarre Fender

La Fender Musical Instruments Corporation, nella storia dei produttori di chitarre viene ricordata come la prima azienda ad aver commercializzato un modello di chitarra solid-body, la celeberrima Fender Telecaster (inizialmente chiamata Variety e poi Esquire nella variante con un solo pick-up).

Il fondatore, Leo Fender, inizia la sua attività nel 1938 (Fullerton, California, USA), come tecnico elettronico con la Fender’s Radio Service, società specializzata nella riparazione di tutti quei dispositivi basati su circuiti a valvole (radio, fonografi e amplificatori).

Leo inizia quindi a progettare i suoi amplificatori, migliorando quei circuiti di amplificazione che gli capitavano tra le mani durante le riparazioni e, all’inizio degli anni 1940, costituisce insieme a Orr Clayton “Doc” Kauffman (altro tecnico elettronico della zona), la K & M Manufacturing Corp con la quale inizia a produrre e vendere chitarre hawaiane (lap steel guitar) e amplificatori.

Entro la fine del 1945 Leo si rende conto che produzione e vendita sono più redditizie delle riparazioni e si separa dal suo socio cambiando il nome della società in Fender Electric Instrument Company (1946).

Dal 1948 ai primi anni del 1960 gli amplificatori Fender si evolvono notevolmente sia nella circuiteria che nell’aspetto esteriore passando dal rivestimento in Tweed al classico rivestimento plastico di colore nero in Tolex.

Nei primi mesi del 1965, Leo Fender vende la sua società alla CBS (Columbia Broadcasting System) per 13 milioni di dollari. Durante l’era CBS, chitarre e amplificatori subirono parecchi ritocchi estetici per ridurne i costi di produzione.

Dopo la vendita della Fender, Leo Fender ha fondato la Music Man nel 1975, e successivamente la G & L Musical Instruments, che produce chitarre elettriche e bassi di sua progettazione.

Il culmine della politica di riduzione dei costi della CBS viene solitamente ricondotto al 1983, quando vengono commercializzate alcune varianti della Fender Stratocaster come il modello Dan Smith, la Elite Series, la Swinger (o Musiclander) e la Custom (o Maverick), considerate dagli appassionati come tentativi di ottenere il massimo profitto possibile dall’azienda a discapito della qualità del prodotto.

Nel 1985 i dipendenti della Fender Electric Instrument Manufacturing Company hanno acquistato la società da CBS ribattezzandola Fender Musical Instruments Corporation.

Fender produce le sue chitarre di fascia elevata nello stabilimento di Corona (California, USA) e quelle di fascia media nello stabilmento di Baja California (Messico).

Solitamente le chitarre Fender più ricercate dagli appassionati sono i primi modelli di produzione americana, ma anche i modelli di Fender Giapponesi antecedenti al 1990 godono di un certo apprezzamento.

Fender possiede anche il marchio Squier, usato a partire dal 1982 per la produzione di varianti economiche degli originali modelli Fender, divenute poi molto popolari in tutto il mondo.

Oltre a questo marchio nel corso degli anni la Fender Musical Instruments Corporation ha acquisito numerose altre aziende produttrici di chitarre e altri strumenti musicali tra cui Guild Guitar Company, Jackson, Charvel, Olympia, Orpheo, Tacoma Guitars, Brand X e Kaman Music Corporation, inoltre dal 2003 ha la licenza di produzione e distribuzione delle chitarre Gretsch.