La pet therapy

La pet therapy

Quando parliamo di animali le prime cose che ci vengono in mente sono. il grande numero di cani smarriti che si trovano le nostre città e le varie associazioni animaliste che negli ultimi anni stanno lottando per far riconoscere i diritti degli animali, che più delle volte vengono sfruttati e utilizzati come cavie per degli esperimenti.

Non tutte le persone  trattano male gli animali, infatti ci sono degli studiosi che hanno trovato il modo di far tornare utili gli animali applicando la pet therapy.

Come nasce la pet therapy

La pet therapy nasce grazie alla mente dello psichiatra infantile Boris Levison, che nel 1960 enunciò delle teorie secondo cui l’essere umano traeva numerosi benefici dallo stare in compagnia dell’essere umano e quindi applico questa nuova teoria su alcuni suoi pazienti.

Secondo la teoria di Levison, le pet therapy ha notevoli benefici, infatti l’occuparsi di un animale cura delle patologie come l’ansia, lo stress e la depressione, grazie al calore affettivo che può dare l’animale.

Nel corso degli anni questa scienza ha avuto un grande sviluppo e nel  1997, in Australia è nata una compagnia, la Delta Society, che si occupa di studiare gli effetti terapeutici  legati alla compagnia degli animali ed oggi la pet therapy viene usata nelle case di riposo e negli ospedali.

Cos’è e come funziona la pet therapy

La pet therapy, definita anche zooterapia  viene definita come un trattamento dolce, che basa i suoi fondamenti su quella che l’interazione tra uomo e animale e viene applicata su pazienti che hanno delle patologie.

La pet therapy viene definita come co-terapia perchè si affianca ad altri tipi di terapia, con lo scopo di cercare di migliorare quello che è l’approccio medico in quei casi dove questo risulta essere più complicato e quindi attraverso l’utilizzo dell’animale si prova a stabilire un nuovo rapporto: paziente- animale- medico.

Chi si occupa di pet therapy deve avere una profonda conoscenza di quello che è il mondo animale e in particolare di materie come zoonosi ed etologia.

Negli ultimi anni gli istituti universitari italiani hanno stabilito dei corsi inerenti alla materia per formare nel miglior modo possibile degli esperti di settore, visto il grande successo che sta riscuotendo questo tipo di terapia.

Gli animali per la terapia vengono scelti in base alle preferenze del paziente e a quelle che sono le sue capacità psico fisiche.

I principali animali utilizzati sono:

  • Cani

  • Gatti

  • Conigli

  • Cavalli

  • Delfini