Esami medici da fare a 40 anni.

Esami medici da fare a 40 anni.

Quando si passa agli “anta” non solo si sente di essere usciti dalla fase “giovanile” dei trenta, ma si deve cominciare contestualmente a prestare più attenzione a quello che è il nostro stato di salute. Insieme allo staff delle Farmacia Pelizzo, farmacia all'avanguardia che offre in loco un servizio di esami del sangue ad Udine, vedremo quali sono gli esami da fare quando si raggiunge i 40 anni.

Non sempre il livello di attività di una persona coincide con quello che è il suo stato di salute. Monitorare pertanto la propria salute con tutta una serie di esami periodici, oltre che con uno stile di vita salubre, consente di aumentare il proprio periodo di attività in piena forma di almeno 5 anni.

Il sistema sanitario attuale, propone una grande varietà di esami, anche se è opportuno concentrarsi su quelli più importanti in coordinamento con quello è che il proprio medico di medicina generale. Insieme ad esso si ripercorrerà la storia clinica della nostra famiglia alla ricerca di patologie da monitorare come malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione e colesterolo alto, e solo in base a questa indagine si andrà a predisporre gli opportuni esami.

Il colesterolo alto è una delle principali cause di attacchi di cuore oltre che di ictus. Tenete quindi controllato il colesterolo totale (ovvero sia il colesterolo buono che quello cattivo) e misurate almeno una volta all'anno la pressione sanguigna. Sempre al fine di monitorare la salute cardiovascolare è anche possibile sottoporsi ad un'elettrocardiogramma sotto sforzo.

Per quanto riguarda i tumori, gli uomini sono quelli più negligenti rispetto alla loro prevenzione. Un peccato visto che gli esami preventivi che si possono eseguire in questo senso sono molti. In particolare gli uomini trascurano spesso la prevenzione del tumore alla prostata, ed il 66% di essi non ha mai pensato di fare dei controlli a riguardo.

Le donne dopo i 40 possono sottoporsi ogni 2 anni ad un Pap-Test che consente di individuare eventuali lesioni pretumorali al collo dell'utero, lesioni che vengono trattate con successo nel 100% dei casi. Sempre ogni due anni tra i 40 ed i 50 è possibile sottoporsi alla mammografia. La mammografia infatti consente di abbassare la trasformazione maligna di lesioni pretumorali anche dell'80%. Nonostante questi dati importanti il 33% delle donne in Italia, non hai eseguito questo tipo di controlli.