A Bologna due nuovi spazi d’accoglienza per madri in difficoltà e i loro figli

A Bologna due nuovi spazi d’accoglienza per madri in difficoltà e i loro figli
A Bologna due nuovi spazi d’accoglienza per madri in difficoltà e i loro figli

Taglio del nastro martedì 5 settembre con l’amministratore unico di Asp Bologna Gianluca Borghi per i due nuovi spazi di via del Vivaio 2 per gestanti e madri con bambino. L’inaugurazione, organizzata da Mondo Donna onlus e Fatatrac edizioni, sarà dedicata all’incontro tra le famiglie italiane e quelle dei nuovi cittadini attraverso laboratori, musica dal vivo e cibo multietnico.

Le comunità accolgono nuclei mamma-bambino italiani e stranieri con l’obiettivo di garantire la protezione e la tutela dei minori inseriti, assicurando loro un luogo sicuro ed accogliente dove crescere.

Il Centro Gianna Beretta Molla accoglie 14 nuclei mamma-bambino e/o gestanti che si trovino momentaneamente in situazione di disagio abitativo, economico, psicologico e sociale e/o vittime di violenza. Madri in difficoltà nello svolgimento delle funzioni genitoriali, anche in presenza di un provvedimento del Tribunale per i minorenni. I minori accolti hanno età compresa tra gli zero e i diciassette anni.

Il centro può inoltre ospitare per un massimo di due mesi sia minori le cui madri abbiano interrotto il Progetto di vita all’interno della comunità, sia madri i cui figli siano stati posti in affidamento familiare.

Obiettivo principale è garantire la protezione e la tutela dei minori inseriti, assicurando loro un luogo sicuro ed accogliente dove crescere. Contestualmente il percorso educativo è volto ad agevolare le madri nel ripristino delle competenze genitoriali, nel recupero delle autonomie personali e nel processo di inserimento lavorativo e integrazione sociale nel territorio. Gli interventi messi in campo hanno lo scopo principale di potenziare le risorse temporaneamente inibite affinché le ospiti possano canalizzarle nel progetto di autonomia.

Il pomeriggio prevede alle 16 il taglio del nastro con i rappresentanti delle istituzioni; alle 16.30 “Incontrare e condividere”, un laboratorio per parole, oggetti, immagini, forme e colori destinato ai bambini dai 3 ai 6 anni; alle 17.30 “Le parole per stare insieme”, un laboratorio a base di giochi di lettere, parole, espressioni e immagini aperto a tutti. Dalle 18.30 in poi, musica dal vivo con Novensamble Senzaspine, merende e apritivi multietnici del Catering AltreTerre.

Fonte: A Bologna due nuovi spazi d’accoglienza per madri in difficoltà e i loro figli